Incontro di musica, canto e pittura

Domenica 18 luglio, ore, 16, in via Fiume, 12, a Pettinengo, Concerto di chitarra, suona Davide Ellena – Canzoni, una voce: Massimo Zaccheddu – un’opera pittorica: “Genevieve à la guitare”, di Ilio Buruni – il Museo delle Migrazioni, Cammini e Storie di Popoli di Pettinengo, aderente alla Rete Museale Biellese, è visitabile tutte le domeniche dalle ore 14:30 alle ore 18:30 – Info e prenotazione: Idillio, 3343452685 – Ingresso libero

Cosa succede quando la musica, il canto e la pittura si incontrano? E poi perché si trovano e ancora quando, dove e per opera di chi?

Un’immagine, Genevieve à la guitare, dipinta nel 1968 da Ilio Burruni, pittore sardo, migrante, giramondo che per la musica aveva una passione sconfinata, tanto da sostenere, un poco scherzando, che se non fosse stato dotato per la pittura avrebbe voluto essere musicista.
Ilio Burruni ha dipinto accompagnato da sonate, concerti, musica classica sempre. Amava tutta la musica e la voce, strumento meraviglioso di cui non era assolutamente dotato, tanto che nel coro dell’oratorio a Chieri il maestro lo implorava di far solo finta di cantare…
Ilio Burruni, conosce Genevieve a Rio nel giro dei Francesi che erano mandati in Brasile per impianti urbanistici. La Signora è una brava suonatrice di chitarra ed è secondo il pittore molto bella. La ritrae mentre suona. Diventano amici e lei si farà fare anche un ritratto.
Con il pittore c’è il figlio Marco che simpatizza con la chitarrista e ne diventa allievo.
Nell’opera il pittore mostra tutta la grazia della chitarrista, la sua postura composta, il volto che esprime dolcezza per il suono melodioso e concentrazione per l’esecuzione.
È un’opera figurativa ma non del tutto naturalistica, piatti i colori, ricercato il segno e colori inventati! Armonica nell’insieme, a guardarla si sentono vibrare le corde tanto evoca una suonata!
Un’opera che suscita la voglia della musica ed ecco il chitarrista del Conservatorio di Novara, il Biellese Davide Ellena che si ispira e pensa ad un concerto… sente delle musiche le identifica e le suonerà il
18 luglio a Pettinengo, fra il Museo delle Migrazioni e l’oratorio di San Grato e Sant’Eusebio che in questa estate ospita la mostra diffusa di gigantografie lungo la via che da San Rocco di frazione Livera conduce a canton Gurgo. E ci sarà anche una voce, il cantante Massimo Zaccheddu proporrà delle canzoni che completeranno l’incontro delle arti!

Data

18 Lug 21
Expired!

Ora

16:00 - 18:00

Maggiori informazioni

Link dell'evento

Luogo

Pettinengo
Museo delle Migrazioni
Categoria
Link dell'evento

Le Guide

Irene

  • Guida Nazionale di mountain-bike
  • Accompagnatrice turistica Regione Piemonte
  • Laureata in Scienze Naturali
  • Creatrice e blogger di Mountain Tracks Biella

  • Alessandro

  • Guida Nazionale di mountain-bike
  • Laureato presso Politecnico di Torino
  • Lavora come Ingegnere Biomedico e Responsabile Qualità
  • In evidenza questa settimana

    Ecco pronto il video del nostro primo ciclo-viaggio: “Dal Brennero a Budapest lungo la Ciclovia del Danubio”! Non farti sfuggire l’occasione di rivivere con noi questa e altre  incredibili avventure!

    Scopri di più! 

     

    Ultimi articoli aggiunti

    Articoli per categoria

    I link degli amici

    … per dare risalto alle piccole realtà biellesi. Esplora questi siti!

    https://www.radioamica.net/, la radio amata dai biellesi;

    http://www.lortodasporto.it/, ortaggi naturali curati con passione;

    https://www.futureisnature.com/, per gli adulti che vogliono restare bambini.

    Contattami se hai anche tu un progetto interessante!

     

    Lascia un commento!

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.