Oropa e il sentiero dell’antico trenino

Itinerario impegnativo, ma estremamente panoramico. Si percorre tutto il tracciato dell’antica tramvia, da Favaro al Santuario di Oropa. La discesa, fino a Sant’Eurosia, è su sentiero abbastanza tecnico ma molto piacevole. Il rientro è su strada asfaltata secondaria che facilità la ripida salita da regione Valle a Favaro.

Livello di difficoltà:
4/5

Senso di percorrenza:

Clicca sulle icone della mappa per leggerne la descrizione!

Clicca il menu sulla destra della mappa per vedere la legenda.

Scarica la scheda PDF

Scarica la traccia in formato ZIP

Dati tecnici

  • Durata: 3 h
  • Distanza: 16,0 km
  • Dislivello complessivo: 569 m
  • Punto più basso: 657 m
  • Punto più alto: 1.148 m
  • Tappe: Favaro – Oropa – Sant’Eurosia – Favaro
  • Livello: difficile
  • Periodo di agibilità: da aprile a novembre
  • Presenza di punti acqua potabile: sì 
  • Presenza di alimentari: sì 
  • Adatto ai bambini: no

Curiosità

L'antico trenino Biella - Oropa

La tramvia Biella-Oropa fu inaugurata nel 1911 e risultò essere la seconda linea italiana a superare i 1.000 metri di altitudine. Restò attiva fino al marzo 1958. Il tracciato era lungo 14 km, percorso dal trenino in poco più di 1 ora e prevedeva 8 fermate obbligatorie e 8 facoltative. Le strutture più complesse del percorso sono visibili e percorribili ancora oggi e comprendono una galleria lunga 176 m, una curva di 360° e un alto ponte su tre archi di pietra. Quasi giunti in cima, in alto sulla sinistra, si può scorgere il complesso di Oropa Bagni, il primo e più all’avanguardia stabilimento idroterapico italiano, in cui soggiornarono personaggi di spicco, come Giosuè Carducci, Guglielmo Marconi, Umberto I e Vittorio Emanuele III. Aperto nel 1850, poteva ospitare nelle sue ampie sale lussuose fino a 200 persone, per godere dell’aria salubre e fresca della montagna. Purtroppo l’edificio è stato abbandonato negli anni ’60 e da allora si trova in terribili condizioni di degrado, oltre ad essere al centro di misteri e leggende.

Da visitare

Giardino botanico

Realizzato nel 1990 e curato dai ricercatori del Museo di Scienze Naturali di Torino, dal 2019 fa parte delle Oasi e Aree Protette Piemontesi del WWF. Il giardino si trova a 1.200 m di quota e presenta percorsi tematici ed educativi volti a sensibilizzare adulti, bambini, ricercatori e insegnanti. Temi trattati e di grande importanza sono l’applicazione dei principi ecologici nella gestione del territorio e la promozione di azioni ecosostenibili per la conservazione della biodiversità, soprattutto montana.

Per info e orari dettagliati chiama i numeri:

Tel: +39 0152523058

        +39 3311025960

oppure visita il sito http://www.gboropa.it/Informazioni/Orari.htm

Da vedere

Il Lago del Mucrone e il Monte Camino

Giunti al Santuario di Oropa, se le condizioni meteo sono favorevoli, è possibile, e molto suggestivo, salire fino al Lago del Mucrone (1.894 m) e al Monte Camino (2.398 m). Il lago è facilmente raggiungibile con la funivia che parte poco sopra la Basilica Nuova, di fianco al Giardino Botanico, e da lì la cestovia porta in pochi minuti fino in cima al monte Camino. Questa zona d’alta montagna è molto turistica, contando 3 rifugi con ristorante (Rif. Rosazza – 1.830 m -, Rif. Savoia – 1.900 m – e Rif. Capanna Renata – 2.391 m) e una pista di sci da discesa in inverno.  

Indicazioni dell'itinerario

  1. Partenza presso il parcheggio del cimitero a Favaro. Imboccare Via Santuario d’Oropa fino a trovarsi sulla SP144 e prenderla verso destra.
  2. Dopo circa 350 m, nel tornante, si scorge il cartello che indica il sentiero per il Santuario d’Oropa che sale ripidamente per i primi metri.
  3. Seguire l’antico tracciato della tramvia (D6) finché questo scende sulla SP144. Percorrere la SP144 per 1 km e imboccare nuovamente il sentiero nei pressi della prima cappella del Sacro Monte.
  4. Si giunge al Santuario nei pressi del cosiddetto “Prato delle Oche”; subito sulla destra inizia il sentiero D4 che porta a Sant’Eurosia.
  5. Rimanere sul D4 per circa 4 km fino ad intersecare la strada asfaltata, andando quindi a destra. Al bivio successivo prendere a sinistra e scendere fino a raggiungere il centro di Sant’Eurosia. 
  6. Nella piazza, prendere la strada che scende sulla destra, che porta a frazione Valle. 
  7. Seguire sempre le indicazioni per “Valle” e giunti all’incrocio, svoltare a destra. 
  8. Proseguire fino ad incontrare il ponte sul torrente Oropa sulla sinistra, attraversarlo e seguire la strada che sale con modesta pendenza, in località Favaro di Là.
  9. Giunti in fondo alla strada, si oltrepassa l’arco che immette sulla via principale di Favaro; svoltare a sinistra e si ritorna al punto di partenza.

Dove dormire

  • Camere Santuario di Oropa
  • Rifugio Rosazza
  • Rifugio Savoia

Altre attività nella zona

  • Parco Avventura Funivie di Oropa
  • Sci di discesa pista Busancano

Riparazione e affitto biciclette

  • Canova (Biella)
  • Green Bike (Biella)
  • Free Bike (Biella)
  • Zola (Biella)

Alcune note importanti

1) Obiettivo dei miei itinerari è tornare sempre al punto di partenza (anelli) e pedalare il meno possibile sull’asfalto. Quando però questo risulta inevitabile, scelgo per lo più strade secondarie e poco trafficate. Inoltre, stabilisco il punto di partenza in un luogo dove sia comodo parcheggiare l’auto.
2) Ho deciso di suddividere il Biellese in 5 aree principali, in base alla geomorfologia del territorio, a differenza di come risulta nelle carte topografiche (Nord-orientale, Nord-occidentale, Centro-orientale, Sud-orientale e Sud-occidentale).
3) Ho indicato alcuni percorsi come “Adatti ai bambini”, ma ovviamente è competenza di ogni genitore stabilire se un itinerario è adatto alle capacità del proprio figlio.
4) Con “Periodo di agibilità”, nella descrizione, mi riferisco esclusivamente alla presenza di neve sul percorso, non considerando quindi le altre variabili quali pioggia o presenza di zanzare. Nei riquadri “Dove dormire” ho voluto proporre alcune soluzioni alternative al tipico B&B o albergo, citando strutture come rifugi di montagna, ostelli o campeggi.
5) Prima di partire per qualsiasi tour, leggi la sezione “In pratica“!

Un commento

Lascia un commento!